ti trovi in: Presentazione
 
 
 

Presentazione


In questi anni, sul territorio della provincia di Bergamo, intorno ai progetti educativi dell’extrascuola è stato costruito un consistente e ricco patrimonio di conoscenze e di esperienze.
Per dare visibilità a questo patrimonio e per sollecitarne ulteriori sviluppi, nell’ambito del Progetto provinciale extrascuola sono stati realizzati due nuovi e importanti “strumenti di lavoro”: il vademecum, un opuscolo sul senso e le funzioni connesse ai progetti extrascuola come “imprese di comunità”, e l’ area web, che ha lo scopo di mettere a disposizione una sorta di piattaforma comune per attingere e condividere informazioni, esperienze, proposte e insieme per affidare storie locali perché si costruiscano dialoghi nei territori.
Essi sono il risultato del lavoro attento e paziente di un gruppo di referenti degli Ambiti Territoriali, accompagnati dal Settore attraverso un percorso di formazione-tutoring, che hanno fatto sintesi delle tante progettualità attivate nelle nostre comunità locali sui temi degli apprendimenti e della cultura dei bambini e dei ragazzi.
Crediamo che il Progetto provinciale extrascuola, il Vademecum e l’area web, che del progetto costituiscono una tappa importante, rappresentino un esempio significativo del valore e dell’efficacia della collaborazione interistituzionale, attivata con il Laboratorio provinciale Extrascuola e con gli Ambiti Territoriali, e del dialogo e confronto con chi quotidianamente si relaziona con i bambini e con i ragazzi nelle più diverse situazioni educative: adulti e giovani, operatori professionali, amministratori locali, volontari, sacerdoti, insegnanti e genitori che mettono in dialogo idee, creatività, riflessione ed operatività concreta per dar vita ad un’articolata progettualità sui temi degli apprendimenti e della cultura dei bambini e dei ragazzi.

 
Ettore Pirovano
Presidente Provincia di Bergamo
  Domenico Belloli
Assessore Politiche Sociale e Salute


 

Un punto di incontro per chi opera per il diritto dei ragazzi e delle ragazze all’apprendimento e alla cultura